Turnar

Poesia nel dialetto di Grosio di Carlo Pini
Sesta classificata - Premio speciale Šti ègn
 
 

Turnar

 

Tórni intéra

ai sas di mé véc’,

al ràis che al giugàva

in di córt a piacàs,

a la pista de giàsc

’n de la strada de néf,

ai ugièdi in di piàt

per ciapàr al più grant,

ai dumàndi de l’ànima

più grandi de mi,

ai sceréśi rubàdi…

e ai pèzi ’n di braghi

… al pòver che sari!

Tórni più intéra

su ’n de la bàita de mónt

perché tròvi vergóta

de quél che ò lasà:

al tém de parlàr,

la cumpagnìa,

la scudèla de vin,

pan e salàm

e un tòch de furmài.

E quando l’é sira:

al ciaculär de la nöc’

la vös del Signór

al pòver che sari,

al negóta che sóm!

 

 

Tornare

 

Torno volentieri

alla casa dei miei nonni,

al ragazzo che giocava

nelle corti a nascondino,

alla pista di ghiaccio

sulla strada di neve,

alle occhiate nei piatti

per prendere il più grande,

alle domande dell’anima

più grandi di me,

alle ciliegie rubate…

e alle toppe sui pantaloni

… al povero che ero.

Torno più volentieri

sulla baita di montagna

perché trovo qualcosa

di quello che ho lasciato:

il tempo di parlare,

la compagnia,

la scodella di vino,

pane e salame,

e un pezzo di formaggio.

E quando è sera:

il chiacchiericcio della notte

la voce del Signore,

il povero che ero,

il nulla che sono. 

 

Comments