Scoltar

Poesia nel dialetto di Sondalo di Emilia Simonelli
 
 

Scoltar

 

Un dì che sèri gió ’n de l’òrt

l’é pasà ’n ómen che ’l caminàva tut štòrt,

ò pensà: oh poarét

l’à d’avér ciapà ’n colpét.

Po… po… pòdi sentàrme gió ’n pit?

Ma scé scé g’ò dic’,

se capiva che a parlàr

l’eva pròpi de fadigàr.

Védesc cóme sónt redùc’?

I me disc tuc’,

e pö ènca i dotór,

de caminàr e de parlàr

ma chi che me pò šcoltàr?

Incö tuc’ i g’à prèscia

e gnènca ’n pit de paziénza

e i parla tènt debòt

che capìsci negót:

e tuc’ insém, in dói o in tré

e te capìscesc tre per trentatré!

Pö pièn pièn beteghènt

come al la cuntàva…

e chi che lo fermava!

Apéna l’é sonà li óra

al disc: ò de ’ndàr debòt

ò da tör gió la medeśgìna a li òt;

sasc, incö sónt pròpi contént

l’é pasà debòt al témp!

E ’l m’à dic’, dopo che ’l m’à saludà:

“Grazie per avérme šcoltà!”

 

Ascoltare

 

Un giorno che mi trovavo giù nell’orto

è passato un uomo che camminava tutto storto,

ho pensato: oh, poverino

deve avere avuto un ictus.

Po… po… posso sedermi un po’?

Ma certo gli ho detto,

si capiva che a parlare

doveva proprio faticare.

Vedi come sono ridotto?

Mi dicono tutti,

pure i medici,

di camminare e di parlare

ma chi mi sta ad ascoltare?

Oggi hanno tutti premura

e neppure un po’ di pazienza

e parlano tutti così in fretta

che non capisco niente:

e tutti insieme, in due, o in tre

e si capisce tre per trentatre.

Poi, piano piano, balbettando

come raccontava…

e chi lo fermava!

Al rintocco delle ore

dice: devo andare in fretta

devo prendere la medicina delle otto;

sai, oggi sono proprio contento,

mi è passato veloce il tempo;

e aggiunse, dopo avermi salutato:

“Grazie per avermi ascoltato!”.

 
Č
Comments