Quela nocc'

Poesia nel dialetto di Ardenno di Giusy Gosparini
Quinta classificata 
 
 

Quela nocc’

 

En s’èra d’invernu

e quèla nocc’ l’èra frègia,

scuura e senza stèli.

El piuviva pian pianin

e senza far rumur

la piangiva cun me

quèela nocc’.

 

Setada, tacada al tò lecc’

te vardavi

cercavi amò un segn da te

ma uramai te

te vardavet luntaa:

chisà chi ù cusè te vedivet

fursi “el Signur” chel te ciamava

el te disiva che l’èra ura de andaa.

 

Me te tignivi la maa,

t la stringivi fort en dela mia

vulivi miga mulat.

Na lacrima la t’à rigà la facia

un’ugiada, l’ultim suspir

e pö… piö nient…

 

T’u carezaa al cör

piaa piaa

el me pariva chel batess amò.

 

El tò spirit adess el vula liger cun li ali de angel

sö nel ciel piee de stèeli

urmai el tò corp malaa el sufris piö

e te, te suridet

e me te vèdi brilaa, lasö

ogni nocc’.

Mama.

 

 

Quella notte

 

Era d’inverno

e quella notte faceva molto freddo,

il cielo era buio e senza stelle.

Pioveva piano piano

e senza far rumore

piangeva con me

quella notte.

 

Seduta, accanto al tuo letto

ti guardavo, fissavo il tuo volto

cercando un segno di vita

ma ormai

guardavi lontano:

chissà chi e cosa vedevi

forse sentivi “il Signore”

che ti invitava a seguirlo

 

Ma io no volevo lasciarti

e la tua mano

stringevo forte nella mia

Una lacrima ha rigato il tuo volto

un sussulto, l’ultimo sguardo

e poi il nulla… mi hai lasciata

 

Accarezzavo delicatamente il tuo cuore

che sembrava ancora

battere nel petto.

 

Ora il tuo spirito con ali di angelo

futtua nel cielo stellato

e tu, libera dal corpo malato

sorridi

e io ti vedo brillare lassù

ogni notte.

Mamma.

 
Comments