Mi perché

Poesia nel dialetto di Montagna di Carlo Bianchi
 
 

Mi… perché

 

Quan che eri depermì

già de rèdes mi pensavi

e den de mì me dumandavi:

“ma chi sun… chi sun mi??

Da’n ghe vegni?

Cusa faghi?

Duve vaghi?”

Quel pensé al me intimuriva

el me cör el se stremiva

Pö, pasat i giuen an,

anche adès che sun anzian,

quan che mì sun depermì

e me dumandi “chi sun mi?”

me cunfundi, me stremisi

e den de mi disi:

“Ma Signur… perché?

te me dac’ i öc’ per vedé,

i uregi per sentì,

el cervel per capì;

te me fac’ a to sumiglianza

ma te me laghet intel’ ignuranza?

Perché el mal, la suferenza?

Tut i guèri de la demenza?

Perché un rèdes, che l’è innucent,

e che l’à mai fac’ nient,

l’à de patì e sufrì,

a amò, prima de vif, murì?”

“Perché??”

Guardi el ciel, guardi luntan,

pensi a ier, pensi al duman,

a la vitae ai so perché,

pö finalment la rua lé,

la risposta ai me pensé,

Cui so öc’, el so suris

la me guarda e la capis

pö in silenziu la me dis:

“Ti te sè… te sé el me amur!!

el regal del nos Signur,

sì! Ti te sè,… te sè l’amur

Cun le, al me pasa i me timur,

pensi al ben, pensi a l’amur,

turni adès quel um cuntent

quasi sempri surident.

Pö la guardi cun pasiun

e ghe fo un’impluraziun

“Ti sta sempri insem a mi:

e mai lagum depermì”.

 

Io… perché

 

Quando ero solo

già da bambino io pensavo

e dentro di me mi domandavo:

“ma chi sono io… chi sono io?

Da dove vengo?

Cosa faccio?

Dove vado?”

Quel pensiero mi intimoriva

e il mio cuore si spaventava.

Poi, passati gli anni giovanili,

anche adesso che sono anziano,

quando solo solo

e mi domando “chi sono io?”

mi confondo, mi spavento

e dentro di me mi dico:

“Ma Signore… perché?

Mi hai dato gli occhi per vedere,

le orecchie per sentire,

il cervello per capire;

mi hai fatto a tua somiglianza

ma mi lasci nell’ignoranza?

Perché il male, la sofferenza?

Tutte le guerre della demenza?

Perché un bambino, che è innocente,

e che non ha mai fatto niente,

deve patire e soffrire,

a ancora, prima di vivere, morire?”

“Perché??”

Guardo il cielo, guardo lontano,

penso a ieri, penso al domani,

alla vita e ai suoi perché,

poi finalmente arriva lei,

la risposta ai miei pensieri,

Coi suoi occhi, il suo sorriso

lei mi guarda e capisce

poi in silenzio mi dice:

“Tu sei… il mio amore!!

il dono di nostro Signore

sì! Tu sei… tu sei l’amore.”

Con lei mi passano i timori,

penso al bene, penso all’amore,

torno ad essere quell’uomo contento

quasi sempre sorridente.

Poi la guardo con passione

e le faccio un’implorazione:

“Tu stai sempre insieme a me

e non lasciarmi mai solo”.

 
Comments