L'era Natal

Poesia nel dialetto di Piateda di Lorenza Bonelli
 
 

L’era Natal

 

Quai volti ripensi,

con un po’ de malinconia,

ala festa de Natal

cuma l’era na volta.

 

El prim segn che ndel’aria

el gh’era vergot de special

l’era quan che se sintiva

a sunàa dal Bambìi.

 

L’era cume un sun

che rivava dal ciel

a purtàa pas e speranza

a granc’ e piscen, scior e puret.

 

Ndeli cà se preparava,

iscé a la bona, el presepi:

en pit de muscul, pochi statuini

e la presè ndue mete l Bambì.

 

Li femmi li vava al furen

A faa el panù:

che prufum se sintiva

tut enturen nde qui dì!

 

A sira de la vigilia

la gent la se ’nviava vers la gesa;

l’era frec’, tanti volti el fiucava,

ma i vava tuc’ al apuntament cun el Bambìi.

 

Finida la mesa,

i se scambiava un salut e i auguri;

numa la luna la iluminava

quili stradini streci e scuri.

 

E finalmente i s’ciàt

i meteva fò dala finestra el piat

e prima de ’ndurmentasi pensava:

“Stanoc’ el pasa el Bambìi!”

 

Era Natale

 

Qualche volta ripenso,

con un po’ di nostalgia,

alla festa di Natale

com’era una volta.

 

Il primo segno che nell’aria

c’era qualcosa di speciale

era quando si sentiva

a suonare per “il Bambino”.

 

Era come un suono

che arrivava dal cielo

a portare pace e speranza

a grandi e piccoli, ricchi e poveri.

 

Nelle case si preparava,

così alla buona, il presepio:

un po’ di muschio, poche statuine

e la mangiatoia dove mettere il Bambino.

 

Le donna andavano al forno

a fare il panù:

che profumo si sentiva

tutt’intorno quei giorni!

 

La sera della vigilia

la gente si avviava verso la chiesa;

era freddo, spesso nevicava, ma andavano tutti all’appuntamento con il Bambino.

 

Finita la messa,

si scambiavano un saluto e gli auguri;

solo la luna illuminava

quelle stradine strette e scure.

 

E finalmente i ragazzi

mettevano fuori dalla finestra il piatto

e prima di addormentarsi pensavano:

“Stanotte passa il Bambino!”

 
Comments