La vignaiöla

Poesia nel dialetto di Sondrio di Davide Rastelli
Ottava classificata 
 
 

La vignaiola

 

Tra dü palàdi ncrüscia, vardàt catà ’n grapèl

vedèt inginugiàda… te set quaicos de bel.

Cun el ginöcc’ pugiàt sü ndè la nüda tera

te set mè n’fiur chel spunta grazius endè na sèra

na sèra che nascùnt cùi verdi föi de vit

la grazia che te ghe’t de föra di vestìt.

Cul fazzulet en testa al sul de la matìna

te mùstret l’eleganza de la moda cuntadìna.

La vit te fa de sfunt… del sul l’è la regìa

sül to ginöcc’ la cur, na sort de fantasìa.

La fantasìa de chi che ’l ghe pias vardà ndèl bèl

na guta de südur me scurr suta ’l capel.

Mi tiri ’n gran suspìr e me süghi giù la frunt

e pö ntrà de mi me disi, cume l’è bel al munt.

La grazia cuntadìna la g’à quaicoss en pü

de fö de quela vigna mi scaperesi pü.

Quai volti i è curiùs i scherz del nos desìin

sentìs girà la crapa e senza ’n gut de vin.

Finìda la vendemmia cùi öcc’ vaderò ’n sü

la bèla vignaiöla chisà se vedrò pü?

 

 

La vendemmiatrice

 

Vedendoti accovacciata tra i filari della vigna, mentre stai cogliendo il grappolo d’uva, mi accorgo che sei di una bellezza incredibile. Il tuo ginocchio appoggiato a terra, è come lo stelo di un bellissimo fiore che spunta rigoglioso in una serra. Una serra che nasconde parzialmente dietro le foglie della vite le tue naturali grazie. Il panno che ti ripara dal sole del mattino, ti dona un’eleganza prettamente contadina. Lo sfondo della vite e la luce del sole, fanno risaltare la tua bellezza, ed il mio sguardo si poggia sulle tue ginocchia, risvegliando in me piacevoli fantasie. Da sotto il cappello, una goccia di sudore mi cola sulla fronte. Sospirando, mi detergo il sudore, mi interrogo e rispondo di quanto sia bello il vivere nel mondo. La grazia della bella vendemmiatrice sembra trattenermi in quel luogo, e quasi non vorrei più andarmene. A volte il destino ci regala emozioni che ci fanno sentire immersi in una specie di piacevole ubriachezza. La mia mente vaga e penso a quando la vendemmia sarà finita. Sospirando rivolgo gli occhi al cielo chiedendomi se alla prossima stagione avrò ancora l’occasione di rivedere quella splendida creatura.

 
Comments