La strecia de Ilda

Poesia nel dialetto di Grosio di Gabriele Antonioli
Primo premio 2012
 
 
 

La strecia de Ilda

 

Un dì, cun n’amìśa, sóm vignì in argumént
de discórer de Gròs e del sè andamént,
e lé la me diśéva che l’embléma gruśìn,
gnè a vulér fal apòsta, l’èra ilò, ilò viśìn.

E mi l’ò vardäda, g’ò pensè su n mumént
l’ära certu un di du, o l cumùn o l munumént.
Lé l’à rispundù cun mìa grant meravìglia:
“Oh, l’äśen che t’és! L’é la strécia de Ilda”.

E cume a cunvìncium de la sóa bräva reśón,
la m’à ramä scè sta cunsiderazión:
“I bàiti de Gròs i é tacädi insém
cume al ghe fósies stàc’ al princìpi n diségn.

L’é cume un curdón che l me lìga tuc’ quänc’
e che inséma l me unìs, a chi grìgna e a chi piänc’.
Che divìt al paés al gh’é apéna al stradón
ma per nòsa furtùna al gh’é la strécia in questión.

L’é indóe i chè di Màda de frónt ai Bagàta
i se strénc’ l’ùna a l’àltra, cume l fudés na guàta,
iscì täntu viśìni che l pär ch’i se baśìna
che gh’ära Ilda cun l’usterìa Arźentìna”.

Mai più mi penzàvi che l prubléma più gròs
per la circulazión del nòs paés de Gròs
änga adès che i à fac’ la circunvalazión
del bón al meritàsies tuti sti gràndi atenzión.

I car sti agn indré i se incruśàva ladìn
senza fä su tut quànt stu treméndu caśìn,
ma adès tra i cantón se sent nóma a cristunär
perché tuc’ quänc’per prim i vulerìa pasär.

“Sóm mi che l me tóca, che sóm rivä per prim”,
al dis qui di màchini e qui di muturìn.
Ma la strécia l’é strécia, se pòl miga pasär,
e quàndu s’é in còbia, l’ucór reculär.

Ma forse incödì cun tut sta viaménza
se la strécia la impón un źichìn de paziénza,
l’é mei di semafur e di disuaśór
per qui che va a pé e per qui cul mutór.

Quel tal che l g’à prèsa o che l’ é indafarè,
che l pòsia n mumént e che l tìria su l fiè,
perché i la sa tuc’, e al la sa fìn i sas,
che qui che cór tròp i finìs de inciudàs.

Ma oltre a la strécia riferìda ala sträda
al tèrmin al val änga n’altra purtäda,
al val änga “abràsc” de chi l se vòl bén
de chi sóra i nìguli l vét al serén.

Che bel che l sarìa, quan che n tut al paés
la strécia de Ilda amò la fudés
un reciàm de cuncòrdia e de caritä,
e che in ògni famèa ghe fós päs e unitä.

 

 

 

 

La strettoia di Ilda

 

Un giorno con un’amica mi sono trovato a parlare di Grosio e della sua situazione.
Secondo il suo parere il simbolo della grosinità era individuabile in un punto ben preciso vicino a noi.

Io l’ho guardata e, dopo un momento di riflessione, le ho detto che a mio parere doveva trattarsi del palazzo comunale o del monumento ai caduti.
Ma lei mi ha risposto, con mia grande meraviglia: “Asino che non sei altro, si tratta della strettoia di Ilda”.
E a sostegno di quanto mi aveva detto
mi ha sciorinato questa considerazione:
“Le case di Grosio sono tutte unite una all’altra come se ci fosse stato un piano preciso.

E’ come un cordone che ci lega
e che ci unisce solidarmente a chi gioisce e a chi piange. Che divide il paese c’è solo la strada principale ma per fortuna c’è la strettoia in questione che quasi rinsalda il tutto.
Dove si fronteggiano le case dei Màda e dei Bagàta, che quasi si uniscono come le valve di un bacello e sembra quasi che si vogliano baciare, lì c’era Ilda con la bottega e la trattoria Arzentìna”.

Mai più avrei pensato che il problema più grosso
per la circolazione del paese di Grosio
anche ora che abbiamo la cinconvallazione
meritasse tanta considerazione.

In passato i carri si incrociavano senza problemi
ma ora c’è sempre qualche ingorgo
e volano le imprecazioni
perché tutti vorrebbero avere la precedenza per passare.

“La precedenza è mia, perché sono arrivato per primo all’imbocco” dicono gli autisti delle macchine e dei motorini. Ma la strettoia è angusta, non si può passare, se ci si incrocia, uno dei due deve indietreggiare.
Ma forse oggi con tutta questa frenesia
se le strettoia impone un po' di pazienza
è meglio dei semafori e dei dissuasori
sia per chi va a piedi e chi con motori.
Chi ha premura o è indaffarato
riposi un momento e riprenda fiato
perché è risaputo, lo sanno anche i sassi
che chi corre troppo finisce per ammazzarsi.

Ma in dialetto la strécia non vuol dire solo strettoia
il termine ha anche un altro significato
si tratta dell’abbraccio tra chi si vuol bene
e che oltre le nuvole sa vedere il sereno.

Come sarebbe bello che per tutto il paese
questa strécia costituisse ancora
un richiamo alla concordia e alla carità
e che in ogni famiglia ci fosse pace e unità


Comments