La gent se la ciamava cun i scutüm

Poesia nel dialetto di Ponte in Valtellina degli Ospiti della Casa di Riposo"Costante Patrizi"
Premio speciale La memoria
 
 

La gent la se ciamàva cun i scutüm…

 

Qui de Punt i viveva de üga e furmentón,

qui de Arigna da tapé, castagni e ghislón.

 

Ma a Punt cuma in Arigna

la gént la se ciamàva cun i scutüm

e nün an vulerés cuntaven sü quaiün.

 

I Füsc i stava a San Niculò de cuntràda

e a rivà int l’èra longa la strada.

 

L’Arnaldu de la Rita al ne cüntava

che a Cuscìl, la sua contrada,

gh’èra su la raza di Agnéi

che i èra tüc’ béi.

 

Da Cuscìl se pasa a San Giusèp

(a)ndua an branchèl de s’cèt i giugàva

e la gént de la Mariòsa i schersàva:

“Gnù, Gnù fa tu tu

fa la nana ansima al can!”

 

A San Giusèp gh’èra anca al Cirìlu di Lis

che al purtava al crucifìs:

“Cirilu Macoggi al s’é fac’ priùr

per fa la pas cun al Signor”

al vava dric’ al füneral

per guadagnà an chilu de sal.

  

Sòta l’arch de la cà di Pasin

al se anvìa al strada che porta al Pigazìn.

La Ida Pulentùna cun scià al rastèl

la pasa sü per al müresèl.

 

A Punt gh’èra la cuntrada de l’Industria

che la cuminciàva cun al Tulè,

pö fùren, al tòrc’, al scarpulìn, al legnamè

per finì sü del ferè.

 

An nìgul de s’cèt a tingo al giugàva

e fina a la piazèta al rivava

i lo gh’èra la famiglia di Pizàt

che i èra n’asilu de s’cèt e de vegiàt:

"A scöla i me schersàva sempri per i vec’

però i m’à insegnàt

a laurà, rispetà e tegnì da cünt

per pudé afrontà al munt”.

 

An pu i sü di Pizzàt, gh’èra la butéga di Sciani

che i vendéva an pu de tüt:

arénch, sarachi, bruchéti, stachéti e cio de tach

badìi e zapón, raseghi e scavezón

el tabàch per i óm.

 

A Bèrula, i Gudéns i èra cume sciurón

perché i gh’éva al fùren

de fa pan e panón.

 

An de la curt di Punción, gh’èra sü

an culdarö rót

l’è pasàt al Parulè al g’à picà int an Ció.

Ma che raza de gént, adès L’è lì che

al Masàra.

 

Al zòp di Lècher

an pu i là di tre pòrti al stava

e sensa na fémna al penava:

“Corpu de lai, son disperato,

l’è quìndes dì che che su vèduf

corpu de lai, u del paés u furèsta

üna la vöi”.

 

La Briota per tö al Sesè

la sè dàcia a la füga

e dai Briòt l’è pasàda per Brüga.

 

Tanc’ rignàsch i è pasàt de quel senté

cun al gèrlu pien de tapé

per pö turnà in sü

cargàt de pèzi per fan amù.

 

Al ne piàs regurdà e dach unùr

a chi l’è stac’ nòs benefatùr

l’à lagàt al so casamént

per al ricòver de la pòra gént

 

Costante Patrizi l’èra al so nóm

l’èra an sciùr

al gh’èva miga bisogn del supranóm.

 

 

La gente si chiamava coi soprannomi…

 

Quelli di Ponte vivevano di uva di grano saraceno,

quelli di Arigna di tappeti, castagne e mirtilli.

 

Ma a Ponte come in Arigna

la gente si chiamava con i soprannomi

e noi vorremmo raccontarvene alcuni.

 

La famiglia Borinelli detta Füsc abitava nella contrada di San Nicolò e per arrivarci la strada era lunga.

 

L’Arnaldo della Rita ci raccontava che a Cuscìl, la sua contrada, c’erano i Patrizi dell’Agnello detti Agnéi, che erano tutti belli.

 

 

Dalla contrada di Cascìl si passa a quella di san Giuseppe dove un gruppo di ragazzi giocava e scherzava la famiglia della Mariosa:

“Gnù, Gnù fa tu tu,

fa’ la nanna con il cane!”.1

  

A San Giuseppe c’era anche il Cirillo Macoggi della famiglia soprannominata Lis che portava il crocifisso e veniva scherzato dai suoi compagni con questo ritornello: “Cirillo Macoggi s’è fatto priore per far la pace con il Signore” a andava dritto al funerale per guadagnare un chilo di sale.2

  

Sotto l’arco della casa della famiglia Pasini cominciava la strada che porta alla contrada Pigazzin. La Ida Zucchi della famiglia detta Pulentùn con il rastrello passa attraverso la contrada del Murusel.

 

A Ponte c’era la contrada dell’Industria che cominciava con la bottega della famiglia Picceni detta Tulè, poi il forno, il torchio, il ciabattino e il falegname,  per finire il fabbro.

 

Un gruppo di ragazzi giocava a tingo e arrivava fino alla Piazzetta3 e là c’era la famiglia Petruzio Dell’Abbondia detta Pizàt che era un insieme di ragazzi e anziani:4 “A scuola mi scherzavano sempre perché vivevo con gli anziani, però mi hanno insegnato a lavorare, e rispettare e a risparmiare, per poter affrontare il mondo”.

 

Un po’ più avanti della famiglia Pizàt, c’era la bottega della famiglia Sciàni che vendeva un po’ di tutto: aringhe e salacche, chiodi per le scarpe tondi e allungati e chiodi da tacco, badili e zappe, seghe e seghe a due manici e il tabacco per gli uomini.

 

A Berola, la famiglia Petruzio detta Gudéns erano come ricconi perché aveva il forno per fare pane di segale e di dolce a base di pane con fichi e noci.

 

Nel cortile della famiglia Giuliani detta Punción c’era un paiolo rotto, è passato uno della famiglia Parulè (soprannome della famiglia Biscotti) e ha aggiustato picchiando un chiodo.5 Ma che razza di gente,6 ora il paiolo è lì7 che macera.8

 

Lo zoppo dei Lècher abitava dopo la contrada delle tre porte e soffriva per la mancanza di una donna:

Còrpu de l’ài, sono disperato,

sono quindici giorni che sono vedovo,

còrpu de l’ài, o del paese o forestiera

una donna la voglio”.

 

 

La Briotta per sposare un giovane della famiglia Orsini detta Sesè, si è data alla fuga e dai Briotti9 è venuta a Ponte passando per la strada di Brüga.

 

Tanti abitanti di Arigna sono passati per quel sentiero con la gerla carica di tappeti da portare a valle per poi tornare su carichi di pezze necessarie per tesserne altri.

 

Ci piace ricordare a dare onore a colui che è stato nostro benefattore.

Ha lasciato la sua grande casa per farne ricovero per la povera gente.

 

Costante Patrizi si chiamava,

era un ricco

e non aveva bisogno del soprannome.

Note:

1 La famiglia Giuliani chiamata Gnu era numerosa e si doveva adattare a dormire anche con le bestie.

2 Era usanza diffusa distribuire del sale a coloro che partecipavano al funerale.

3 Piazza Vittoria.

4 Una componente di quella famiglia, ad oggi ospite della Casa di Riposo, ricorda che veniva scherzata perché in famiglia c’erano tanti anziani.

5 Ció è il soprannome delle famiglia Beltramini.

6 Machera, soprannome della famiglia Moltoni.

7 Lelì, soprannome della famiglia Fanchi.

8 Masara, soprannome della famiglia Framitti.

9 Briotti è una località in Val d’Arigna.

 
 
Comments