L'é ora

Poesia nel dialetto di Grosio di Pietro Cimetti
 
 

L’é ora

 

L’é óra de vignìr al mónd

trist o mòrbiu

bèl o òfiu

de cor o agru

 

L’é óra de comincèr a caminèr

de tabuscèr fo i prim strautùri

 

L’é óra de andàr a scola

de imparar a leger e scrìver

de andàr a dutrina

 

L’é óra de far la prima cumunión

e, stagant un mumént, la créśima

 

L’é óra de imparàr un mistér

de cerchèr al lauràr

 

L’é óra de fa-scè la muróśa

de fa int al pian de sóra

de fas na famèa

de tiràr su granc’ i ràis

 

L’é óra de andàr in pensión

de godes i fadighi

de pusàr

 

L’é óra de andàr a truvàr san Pédru

Al sarà infèrn o paradìs

a secónda de quel che t’as trac’ inséma

in di óri de la tóa vita

ché, a pensàch su bén

l’é miga duràda de più

de n’óra!

            Dedichéda al mè pà

 

È ora

 

È ora di nascere

minuto o grassoccio

bello o bruttissimo

generoso o tirchio

 

È ora di inziare a camminare

di borbottare i primi strafalcioni

 

È ora di andare a scuola

di imparare a leggere e a scrivere

di andare a catechismo

 

È ora di far la prima comunione

e appena dopo la cresima

 

È ora di imparare un mestiere

di cercare un lavoro

 

È ora di trovare la morosa

di arredare il piano di sopra

di farsi una famiglia

di far crescere i figli

 

È ora di andare in pensione

di godersi le fatiche

di riposare

 

È ora di morire

Sarà inferno o paradiso

in base a ciò che hai fatto

durante le ore della tua vita

che a pensarci bene

non è durata di più

di un’ora!

            A mio padre 

 

Comments