Ir col sach

Poesia nel dialetto di Livigno di Achille Cusini
Premio speciale: Šti ègn
 
 

Ir col sach

 

Ma rigòrdi córa ca giöm col sach

a gudagnám i sòldi dal tabách

a clapàm doamìla lira al viac’

e štam magari in bal tóta la nöc’.

 

A pasám ó de Valécia o Alpaśgèla

o ènca dal Crapin o fór da Trèla,

a fér in mòdo da lughér a Valdadínt

col sach intéir e chél ca l’ara int.

 

Sa ti sentísc ośgér: “Mòla!”,

i lagán igliá ognún la sóa bricòla

“lór” i sa contentán da chél ch’i an cé

e noáltri a podöm tornér a baita a pè.

 

Al g’é štéit un témp ca i áran chitíf

i olön clapér la ròba e pè chél… vif,

iglióra ta molásc ó per chi dös,

e da la pöira ta riš’ciásc da fètala adòs.

 

La mama l’ara a baita co fašídi

tóta nöc’ a dir su páter e fér tridi,

e dòpo, a confesèt la comenzá,

e per fòrza t’asc da dir la veritá.

 

Quando si faceva contrabbando

 

Mi ricordo quando facevamo contrabbando

guadagnavamo i soldi per comprare le sigarette

gudagnavamo duemila lire al viaggio

e stavamo in ballo magari tutta la notte.

 

Passavamo da Valecia o Alpisella,

o anche da Crapin o da Trela,

dovevamo fafre in modo di arrivare a Valdidentro

con il sacco intero e il contenuto.

 

Se sentivi urlare: “Mollate”,

ognuno lasciava il suo sacco,

“loro” erano contenti di quello che avevano,

e noi tornavamo a casa a mani vuote.

 

C’è stato un periodo in cui erano cattivi,

volevano prendere il sacco e anche chi lo portava,

allora scappavi giù per i dossi,

e dalla paura rischiavi di fartela addosso.

 

La mamma era a casa preoccupata,

passava tutta la notte a pregare e a fare tridui,

dopo di confessava,

e per forza dovevi dire la verità.

Comments