Il grappolo d'oro

Poesia nel dialetto di Chiuro di Bruno Botacchi
 
 

Il grappolo d’oro

cioè festa de l’üga e del vin

 

A Ciür üna de sti dumeneghi pasadi

de gent l’era pien tüti i cuntradi.

Gent vignida de visin e de luntan;

ghe n’era de quij vignit fina de Milan.

L’era la festa del “Grapel d’Or”

sicuma a Ciür el vin l’è cunsiderat tesor,

ma quest’an se pudeva fal numa d’argent,

datu che l’üga la val puch, anzi gnent.

Gh’era vin ’n de tüti i curt de tastà

e ala fin del gir vergün i vava ’n pu scià e là.

M’à fac’ el gir anca mi, el Tiglio, ’l Checu e ’l Pasin

e me l’à truat gran bun anca là del Tumasin.

Gh’è stac’ anca i dì de la “Cultüra”,

però quest’an al mancava la scultüra.

Gh’era in di scöli la mustra di futugrafij e quadri

e bandi che sunava per i stradi.

’N se pasat la ’ndela Curt dei Burinei

e gh’era ’n grüp che i sunava cun su i sciüpèi

e dopu che ’n piazza gh’è stac’ la premiaziun,

i à seghitat a sunàa e cantàa suta ’l tendun.

Crìtichi ghe n’è stac’ e sempre ghe’n sarà,

ma tüc’ miga sempri se pö cuntentà.

Pizzocher, sciat, furmai, lüganeghi e brisaula

i è miga mancat sura la taula

e la sirada l’è finida in alegria,

fumela amù en utr’an e così sia.

 

Il grappolo d’oro

ovvero festa dell’uva e del vino

 

A Chiuro qualche domenica fa

di gente erano affollate le contrade.

Gente accorsa da vicino e da lontano;

c’erano persone giunte persino da Milano.

Era la festa del “Grappolo d’Oro”

che a Chiuro è considerata un tesoro,

ma quest’anno si poteva fare solo d’argento

dato che l’uva valeva poco, anzi… niente.

C’era il vino di tutte le corti da assaggiare

e alla fine qualcuno andava zigzagando.

Ho fatto il giro anch’io, con Tiglio, Checo e

Pasin

e abbiamo apprezzato anche il vino del Tommasino.

Ci sono stati anche i giorni della “Cultura”

ma quest’anno mancava la scultura.

Alle scuole c’era la mostra di fotografie e quadri

e bande che suonavano lungo le strade.

Siamo passati nella corte dei Burinei,

c’era un gruppo che suonava con gli zoccoli ai piedi

e dopo la premiazione fatta in piazza, hanno continuato a suonare e cantare sotto il tendone.

Ci sono state critiche e sempre ci saranno,

ma non si possono accontentare proprio tutti.

Pizzoccheri, sciatt, formaggio, salsicce e bresaola

non sono mancati sopra la tavola

e la serata è finita in allegria,

facciamola ancora anche un altr’anno e così sia. 

 

Comments