Er, incö e domen

Poesia nel dialetto di Sondalo di Pier Giorgio Garavatti
 
 

Er, incö, domen

 

Al par apena er, na maionéta col šcusal turchin

la śgiugàva contenta coi se cuśgin.

Temp dopo al se pà al s’é sentì mal

e i l’à portà de corsa a l’ošpedal.

 

Incö la maiona l’é al cimitéri

e con i öc’ begnà la met gió quai ceri

a le al ghe par miga vera

ma al se pà l’é ilò sot tera.

 

Forse, un domen, la sarà in giesa, davent ai prim bench

insem al sè omen e con su l veštì biench.

Iscì l’é la vita in de što mont:

se got, se patisc e se spera fina gió in font.

 

Ieri, oggi e domani

 

Sembra appena ieri, una ragazzetto col grembiule turchino, giocava felice coi suoi cugini.

Tempo dopo suo papà si è sentito male

e l’hanno portato di corsa all’ospedale.

 

Oggi la ragazza è al cimitero

e con gli occhi bagnati sta deponendo qualche cero

a lei non sembra vero

ma suo padre è sepolto in terra.

 

Forse, un domani, lei sarà in chiesa, davanti ai primi banchi

con suo marito e con indosso il vestito bianco.

Così è la vita in questo mondo:

si gode, si soffre, si spera fino al termine.

 
Č
Comments