El trenin rus

Poesia nel dialetto di Sondrio di Pietro Pizzini
Secondo premio 2012
 
 

El trenin rus

 

El scavalca al pas Bernina

el trenin per l’Engadina

quela ober e quela basa

che prufüma amò de grasa.

 

Tanc’ – al munt – i la cugnùs

e i la ciama el trenin rus

ma i sá minga quant l’è custat

de südur, mai risparmiat!

 

Galerii e pö viadùt e a zich-zach sü’n di salidi,

e in discesa se slitiga e te salüdet i fadighi.

Pö, senza pert la tramontana,

del busch te védet-fò la filigrana.

 

Se te ’l ciàpet a Tiran

el trenin al va pian pian;

el traversa stradi e piazi

sensa disrurbà i gent sü ’n di terazi…

 

Apena dint ’ndel Paes del Guglielmo Tell

al te vee incuntra vergut de propi bell:

per scavalcà cunt poca fadiga

en dislivel, abòt per fa ’na diga,

el trenin al rampega sü ’nde na scala

propi come quili faci a lümaga

 

Zig-zagando, en po per volta,

sü a Cavaglia el treni nel porta,

pö, cunt la giravolta de l’Alp Grüm,

el te par d’avech la Val in pügn.

 

Finalment se riva a l’Uspizi,

cunt i scimi a precipizi,

cunt i làach, quel negru e quel bianch

che, ai munt, i g’à netat giù i fianch.

 

A ’ndà giù, gh’è el Morteràtsch

en nevée cunt ’na riserva de giàz.

Urmai en s’è in Engadina,

grazie al trenin del Bernina.

 

Se te vö amò ’ndà inans

e capì el parlà rumansc

van a Bever e pö, a surpresa,

tee ’d fermas per ’na discesa…

 

Perchè chi, ’nde la stagiun fregia,

ii cusüma sfrütala “a la vegia”

e te fee – in sicüra – ’na gran slitada

sü la strada ch’è, urmai, ’na pista gelada.

 

I g’à santa resùn quii de l’Unesco

a fa cugnus ’stu paesac’ fiabesco,

ma el gh’eva minga tort, quel vec’ de Tiran,

quant a l’inauguraziun, tra i batiman

l’eva dic’ “viva el trenu che el me tira

a Pus’ciav a beef na bira,

e che ’l mena i pus’ciavin

a Tiran a bef bun vin!”. 

 

 

 

Il trenino rosso

 

Scavala il passo del Bernina

il trenino per l’Engadina,

quella “Alta” e quella “Bassa”

che profuma ancora di letame.

 

Tanti – al mondo – lo conoscono

con il nome di “trenino rosso”,

ma non sanno quanto è costato

di sudore, mai risparmiato!

 

Gallerie e poi viadotti e a zigzag sulle salite

ed in discesa si scivola via via e saluti le fatiche.

Poi, senza perdere l’orientamento,

del bosco, intravedi la filigrana.

 

Se lo prendi a Tirano

il trenino va piano piano;

attraversa strade e piazze

senza disturbare la gente sulle terrazze…

 

Appena entra nel Paese di Guglielmo Tell

ti viene incontro qualche cosa di proprio bello:

per scavalcare con poca fatica

un dislivello, sufficiente per fare una diga,

il trenino si arrampica su una scala

proprio come quelle fatte a lumaca.

 

Zigzagando, un po’ per volta,

su a Cavaglia il trenino porta,

poi, con la giravolta de l’Alp Grüm,

ti pare di avere la Valle in pugno.

 

Finalmente si arriva all’ospizio,

con le cime a precipizio,

con i laghi, quello nero e quello bianco,

che – ai monti – hanno pulito il fianco.

 

Ad andare giù, c’è il Morteratsch:

un nevaio con una riserva di ghiaccio.

Ormai siamo in Engadina

grazie al trenino rosso del Bernina.

 

Se vuoi ancora andare avanti

e comprendere la lingua romancia

vai a Bever e poi, a sorpresa,

a fermarsi per una discesa…

 

Perché qui, nella stagione fredda,

sono usi sfruttarla alla vecchia maniera

e ti fai – in sicurezza – una bella slittata

sulla strada ch’è ormai una pista gelata.

 

Hanno buona ragione quelli dell’Unesco

A far conoscere questo paesaggio fiabesco,

ma non aveva torto quel vecchio di Tirano,

quando all’inaugurazione, tra i battimani,

aveva detto “viva il Trenino che mi porta

a Poschiavo a bere la birra

e che porta i poschiavini

a Tirano e bere buon vino!”. 

Comments