Buon Natale

Poesia nel dialetto di Albosaggia di Paolo Piani
 
 

Buon Natale

 

Ol presepe l’è uramai pront

col soldat in cima al mont,

col bel mus’c’, li cà de legn,

i pastor e i vari ingegn,

 

i Re Magi lontaa lontaa

(gh’è amò teep prima de ruà…),

la Madona itè ’n de la stala,

e San Giusepp en gionoc’ a adorala.

 

Sura al tec’ al lusis la stela

con la cua lunga e snela

a ciamàa i geet de bun coor:

curìi ca l’à reet a nas ol nos Signor!

 

Al vee al mont par i nos pecac’,

chè col so sanc’ a-i varà lavac’:

l’è talment gran ol so amor

ca ol vol in ciel aa i traditor.

 

Auguri de Bun Natal e buna furtuna:

posa al vos cor deiventàa come na cuna

par ricef al Bambin con gran festa

e ninal con amor ogni dì che ve resta.

 

Buon Natale

 

Il presepe è ormai pronto,

col soldato in cima al monte,

col bel muschio, le case di legno,

i pastori e i vari mesiteri,

 

i Re Magi lontani lontani

(c’è ancora tempo prima di arrivare…),

la Madonna dentro nella stalla,

e San Giuseppe in ginocchio ad adorarla.

 

Sopra la tetto luccica la stella

con la sua coda lunga e snella

a richiamare la gente di buon cuore:

accorrete che sta nascendo nostro Signore!

 

Viene al mondo per i nostri peccati,

che per mezzo del suo sangue dovranno essere lavati: è talmente grande il suo amore

che vuole in cielo anche chi il suo amore ha tradito.

 

Auguri di Buon Natale e buona fortuna:

possa il vostro cuore diventare una culla

per accogliere il Bambino con gran festa

e cullarlo con amore ogni giorno della vostra vita.

 
Comments