Beatrice

Poesia nel dialetto di Poggiridenti di Michele Prandi
Nona classificata 
 
 

Beatrice

 

L’è andàcia propi inscì… na duman a bunura

sum deventat af, a cinch ai ses

del derset de ginè. La Beatrice

l’è sultada ’nt el mè munt de tüc’ i dì. Seri dré

a fa su ’l grup de la cravata, pensavi

al trenu di ses e mezza, a la lezion

di ot e ’n quart. Int el scüier ch’al fügiva

o traversat i vai, cünat

da stu pensé tüt nöf, e vardavi

la lüna setida, al ciàier

ch’al smursava giù i ciaier, al ricamava

l’ör di munt gèlt.

 

Beatrice

 

È andata proprio così… una mattina presto

sono diventato nonno, alle sei meno cinque

del diciassette gennaio. Beatrice

è saltata nel mio mondo quotidiano. Stavo facendo

il nodo alla cravatta, pensavo

al treno delle sei e mezza, alla lezione

delle otto e un quarto. Nel buio fuggiasco

ho traversato le valli, cullato

da questo pensiero tutto nuovo, e guardavo

la luna sottile, la luce

che spegneva le luci, e ricamava

l’orlo dei monti gelati.

 
Comments