Andel

Poesia nel dialetto di Andalo di Armida Ioli
 
 

Andel

 

   Andel e i so famigli

I famigli de Andel i èra quasi tüc’ cuntadìi, i à laurà la tera da la matina a la sira, e i se dava tüc’ una màa quant i pudìva.

   Andel e i so vach

A una a una se i a destacava: i andava a la funtana e i a se brevava.

   I nos alpìi a Piaz

I nos alpìi na bela piazza i a prugetàa, e na bela gesa i a fàa in unur di nos soldàa che i è più turnàa.

   Piaz

Piaz l’è sempri stàa en sit pregiàa co i soo pràa pulìi e incuntaminàa.

   Su nel Dos

El Dos l’è un sit di sciuri. Gh’era na surgen de acqua fresca, quanta gent che pasava e se dissetava.

   Ruschee pinin burgh antich

En del mis de mac’, el fiuriva en di pràa: rosi, primuli e freschi violi, ades gh’è su piant de castàa, niadi e usei, che fa cantadi.

   Deslunch e la Taiada

I Deslunch e la Taiada i è sempri stàa magench aprezàa da tanta gent.

   Reuli Bas

Quanta gent i à lauràa a taià legna e seà pràa, anca de gerli e campac’ i n’à insì fàa.

   Reulìi volt

Su en del Reulìi volt se fava buter e formagìi col lac’ de cabra e de vaca, cume i era bu i formagìi del Dumenech e del Gasperìi.

   La Casermeta

En del nos pais che tanti volontari che g’à voia de laurà, anca la casermeta gli à gicada scià cume ’na cà, e tuc’ en po endà.

   D’istà i bach sura i munt

Tri pastùu eglia curava, al casée lac’ el quagiava, furmac’ e mascherpa al fava.

   La inf sura i munt

Pasàa l’autun sui munt el fioca… ma Mezzana e Stavel i è sempri lì come du fradéi.

   I mulin

Chi en del nos pais gh’era duu mulìi, che i masnava i furmentun de tuc’ i cuntadìi.

   Piaz Munaster

Piaz Munaster l’era l’oc’ del pais, col so dos dominant, se vedeva via tut quant.

   La casina del Celest

Su a la casina del Celest i purtava su vach, galin e pui. Anca al nibi e la vulp i rivava e di galini i ne prufitava.

   Avert e Taiadel

L’è stàa quasi tut rimudernàa, en Avert e Taiadel, per quest bisugna levach’ tant de capel.

   I nos antenàa

I nos antenàa tanta fafiga i à fàa a lauràa, però i n’à lasàa endrée cà e terée.

Andalo

 

   Andalo e le sue famiglie

Le famiglie di Andalo erano quasi tutte contadine, lavoravano la terra dalla mattina alla sera, e si davano una mano quando potevano.

   Andalo e le sue mucche

A una a una si staccavano: adavano alla fontana e si dissetavano.

   I nostri alpini a Piazzo

I nostri alpini una bella piazza hanno progettato, e una bella chiesa hanno fatto in onore dei nostri soldati che non sono più tornati.

   Piazzo:

Piazzo è sempre stato un posto pregiato con i suoi prati puliti e incontaminati.

   Su nel Dosso

Il Dosso è un sito dei ricchi. C’era una sorgente di acqua fresca, quanta gente che passava e si

dissetava.

Ruschedo piccolo borgo antico: Nel mese di maggio, fiorivano nei prati: rose, primule e fresche viole, adesso ci sono piante di castagno con nidi di uccelli che cantano.

   Dosso lungo e la Tagliata

Dosso lungo e la Tagliata sono sempre stati maggenghi apprezzati da tanta gente.

   Reolido Basso: Quanta gente ha lavorato a tagliare legna e a segare prati, anche di gerle e di campac’ ne hanno sempre fatti.

   Reolido Alto

Su nel Reolido alto si facevano burro e formaggi, con il latte di capra e di mucca, com’erano buoni i formaggini del Dominico e del Gasperino.

   La Casermetta

Nel nostro paese ci sono tanti volontari che hanno voglia di lavorare, anche la casermetta hanno aggiustato come una casa e tutti possono andarci.

  In estate le mucche sui monti

I pastori le curavano, il casaro il latte cagliava, formaggio e ricotta faceva.

   La neve sui monti.

Passato l’autunno sui monti nevicava… ma Mezzana e Stavello sono sempre lì come due fratelli.

   I mulini

Qui nel nostro paese c’erano due mulini, che macinavano il granoturco di tutti i condadini.

   Piazzo Monastero

Piazzo Monastero era l’occhio del paese, con il suo dosso dominante, si vedeva tutto quanto.

   La cascina del Celeste

Su alla casina del Celeste portavano mucche, galline e polli. Anche il nibbio e la volpe arrivavano e delle galline se ne approfittavano.

   Avert e Taiadello

È stato quasi tutto rimodernato, in Avert e Taiadello, per questo bisogna levare tanto di cappello

   I nostri antenati

I nostri antenati tanta fatica hanno fatto a lavorare, però ci hanno lasciato case e terreni.

 

Comments