Al tröc' de la vita

Poesia nel dialetto di Frontale (Sondalo) di Alessandra Ricetti e della compagnia teatrale Gli Sgangherati
Settima classificata - Premio Migliore poesia sondalina 2012
 
 

Al tröc de la vita

 

Na volta la vita l’era  faita de alt e de bass

l’ era come na strada che la speciava i te pass.

Te corévesc  e te faśgevesc  fadiga  per ir lonten

ma ala fin te reštavesc con un tochet  de pen.

 

Ma ades che me vardi indré  vedi un paes divers:

li cà li é śgiumelàda

e un pó de gent, via via,  l’é caminada.

Na volta al g’era negot

sinde li špali noma un fagot.

i giuch che se faśgeva da maion

e al cornat de la nona che l’era propi bon.

Li fadiga  li era pè tenta

ma la gent, quela scè che l’era plu contenta

sol, fen e aria fina

Frontal  l’era propri ‘na bela cartolina

 

E al dì dinco che reštel ?

 

La vita le amó faita de alt e de bass

E l’é sempri la štesa štrada che  špecia i te pass.

Li fadiga li é altra per ir lonten

Ma al  rešta al regort de quel tochet de pen.

 

 

Il cammino della vita

 

Una volta la vita era fatta di alti e di bassi

era come una strada che aspettava i tuoi passi.

Correvi e facevi fatica per andare lontano

ma alla fine rimanevi con un piccolo pezzo di pane

 

Ma ora che mi guardo indietro vedo un paese diverso: le case sono raddoppiate

e un pò di gente via via se ne è andata.

Una volta non c’era nulla

sulle spalle solo un fagotto.

I giochi che si facevano da bambini

e il “cornat” della nonna che era proprio buono.

Le fatiche erano tante

ma la gente, quella si, era più felice.

Sole, fieno e aria buona

Frontale era proprio una bella cartolina.

 

E al giorno d’oggi cosa ci resta?

 

La vita è ancora fatta di alti e di bassi

ed è sempre la stessa strada che aspetta i tuoi passi.

Le fatiche sono altre per andare lontano

ma resta il ricordo di quel pezzo di pane.

 
Comments