Al me pa

Poesia nel dialetto di Livigno di Ermens Bormolini
Terzo premio 2012
  
 

Al me pa

 

Éi miga preśént cór ca finíi de bör al lèc’

ta ma špotolásc e ta ma tolösc su iŋ di brèc’

ma regòrdi miga cór ca ’l ma tögnö su la tóa maŋ

e mi comenzái a chiminér plaŋ plaŋ.

 

Èi miga preśént chi culmartéi

ca fam inséma ó per li còšta iŋ mèz ai préi

ma regòrdi miga quant ch’èm śgiughè

có la bócia iŋ di préi ch’i an ušta seè

 

Da la šcòla ma regòrdi quaśgi nóta

ma éi béŋ preśént cór ca clapái li nòta

ta li fai vedér la domáŋ per pöira da clapèli

ma ti t’èsc mai volú firmèli.

Al giö a finír ca li reštán iá

miga firmèda pecé… pecé da na

 

Ta tornásc a báita dòpo ’l lorédi

e ta šcoltásc i méi deśgiméri

Beŋ inségna n’éi féit da aśanéda

ma da ti li éi mai clapéda.

 

A pòi dir d’öli sentída su

ca da ti li valan da plu

fośgè un òlta éi clapè uŋ crapadóŋ

e a penzègi ésa al m’è féit nóma ci bóŋ

 

Ta cunti sémpri chél ca vòi fér

e tóta li òlta t’ésc štéit iá a šcoltér

A védi dalónch l’é abòt špïèt

al par ca ta ma díśgiasc… Sa t’èsc böśögn a pòi eidèt

 

Ci bèl ca l’é cór ca tac unti ca vòi fér vergóta

e ti ta ma šcóltasc sénza dir nóta

sa ta domándi có ta la pénzasc

ta ma rišpóndasc: Vét ti sa ta sa la séntasc

Da li òlta éi miga féit có t’aròsc volú ti

ma ’l vol dir ca ióra sóm bóŋ da decídar da per mi

 

T’èsc mai volú ca ta dési dal vó

fośgè per figurér pu śgión o ci sé pö

nóma d’uŋ lór gi lughi miga a dèm pasc

e miga pecé sóm dur cóme uŋ sasc

Quant òlta a voròi tornér marcíŋ

e come ióra stríngiat cé e dèt un baśgíŋ

 

Sa ésa a spíi chél ch’éi féit e iŋ dó ca sóm lughè

sóm persuás ca l’é ènca per mèrit tè

e ióra ta diśgi ca tót štó chiá l’éi šcrit per ti

l’é per fèt sör ca sóm contént da ti

 

E ióra emó un òlta uŋ lór éi da fér

al nòs Signór èi da ringraziér

per öt viśgín per öt amó chiá

ta saràsc sèmpri sèmpri al mè pa 

 

 

Mio padre

 

Non ricordo quando finito di bere il latte

mi coccolavi e mi prendevi in braccio

non ricordo quando mi sosteneva la tua mano

e io cominciavo a camminare piano piano.

 

Non ricordo le capriole che facevamo insieme giù per i pendii in mezzo ai prati

non ricordo quanto abbiamo giocato

con la palla nei prati appena falciati.

 

Della scuola non ricordo quasi nulla

ma ricordo bene quando prendevo le note

te le mostravo la mattina per paura di prendere le botte, ma tu non hai mai voluto firmarle.

Così finiva che restavano lì

Non firmate perché… perché no.

 

Tornavi a casa dopo il lavoro

e ascoltavi tutte le mie marachelle.

Ne ho fatte tante di asinate

ma da te non ho mai preso botte.

 

Posso dire di essere stato sgridato

e fatto da te aveva più effetto

forse una volta ho preso uno schiaffo

e a pensarci adesso mi ha fatto solo che bene.

 

Ti racconto sempre quello che voglio fare

e tutte le volte mi stai ad ascoltare

e vedo subito, è sufficiente guardarti

sembra che tu mi dica: se hai bsogno posso aiutarti.

 

 

Che bello quando ti dico che voglio fare qualcosa

e tu mi ascolti senza dire niente

se ti chiedo come la pensi

mi rispondi: vedi tu se te la senti

A volte non ho fatto come avresti voluto tu ma questo vuol dire che sono capace di decidere da solo.

 

Non hai mai voluto che ti dessi del voi

forse per apparire più giovane oppure chissà perché

solo di una cosa non riesco a darmi pace

e non perché sono duro come un sasso

quante volte vorrei tornare bambino

e come allora abbracciarti e baciarti

 

Se adesso guardo quello che ho fatto e dove sono arrivato sono convinto che è anche per merito tuo

e allora ti dico che tutto questo l’ho scritto per te

e per farti sapere che sono fiero di te.

 

Così ancora una volta una cosa devo fare

nostro Signore devo ringraziare

per averti vicino per averti ancora qua

resterai sempre sempre il mio papà

 

Comments