Quàant en s'éra matéi

Poesia nel dialetto di Bema di Maria Buzzetti
 

Quàant en s’éra matéi

 

Se regòrdet quànt ch’en s’éra matéi?

Agliùra sì che i tépp i éra bèei.

 

Se giügàva a sciacàss

e se infilàva de drée a tüc’ i às.

 

Se andàva a scöla tüc’ i dì

tranne che ch’al giovedì

 

e quànt che l’éra vacànza

gh’éra de lauràa in abundanza.

 

El rüvava pò Carnevàl,

ma l’éra tüt pecàa murtàl.

 

E a la fin de l’ànn gh’éra Natàl

El se slungùva ul dì in pàss d’un gal.

 

E se speciàva i regàai de Gesü Bambìn

che pò i’era dü nùs e trì mandarìn.

 

Ma dùlz inscì no ciü pruvàa,

anche perché quìi i’é tépp pasàa.

Quando eravamo ragazzi

 

Ti ricordi quando eravamo ragazzi?

Ricordi come erano belli quei tempi?

 

Che gran giocare a nascondino

in ogni angolo, fatto apposta per infilarsi.

 

Tutti i giorni a scuola

salvo la vacanza al giovedì;

 

e si diceva vacanza

quel giorno a casa  in cui il lavoro si moltiplicava.

 

Si sognava qualche divertimento di Carnevale, ma attenti! Tutto era peccato mortale.

 

A fine d’anno, ecco i giorni natalizi, quelli che cominciavano ad allungarsi, quanto è lungo il passo di un gallo.

Allora, si aspettavano i regali del Bambino Gesù, che erano poi due noci e tre mandarini.

 

Eppure dei frutti così dolci non ne ho mai più assaggiati, proprio perché quei tempi non tornano più.

Comments