ode alla carriola

Poesia nel dialetto di Albosaggia di Paolo Piani
Seconda classificata 2011
 

Ode alla carriola

 

In principio c’era il “gerlo”:

 

Quata fatiga la pòra géet!!!

Quati strozzàdi sensa sintiméet!!!

Carghi de ròba sura la schéna,

gopp cume asegn , quanta la péna!

 

Ol col fo lonch come chel de’n struzz

Ol fiaat cà al vee cà su dal canarùz,

pesanc’ i pass, al crova i gionöcc’:

na vita da ’inguràch gnaa a’n ciöcc’.

 

Ol Signor a vedée i se pori fiöi

cunciàac pécc’ che a Pasqua i ’gnöi

en ciel al ga facc ol disegn con li steli:

na caréta granda e una pìscina, propi beli!

 

Poi hanno inventato la carriola:

 

Sant chel hom, cà dal ciel al t’à copiàda:

con la roda davanti a cercàa la strada,

e du manech deret fàcei de olsàa

par portàa i püsé gran pés senza s’ciopàa.

 

Ecco la cariola: de ogni atrézi al püsè dégn,

sia cà la g’àbes la ròda de góma, sia de légn,

gran ristòro de li fatighi umàni:

bisognarìs fat dìi na mesa tüti li sitimàni!

 

En poo a la olta, ai t’à ’mbeletàda,

coi miglior materiài a-i t’à stampàda:

de légn, de fèr, de plastica, de lamera,

sempre püsè bèla, sempre püsè lengera!

 

E infine: l’evoluzione della specie:

 

Tanto l’era bèla la tua forma e tanti li virtù,

ca la g’à sugerìt n’otra idea an gran striù:

metèmech en motor che va a miscela,

fasèmech la gabina col post da met la mèla,

 

techèmech ol casù con li tre spóndi

e par gionta anca la targa con su Sóndri:

Ed ecco creàt iscè dal nient en bel miraggio:

tulìi gió ol capèl davanti a l’Ape Piaggio!!!!

Ode alla carriola

 

In principio c’era la gerla:

 

Quanta fatica la povera gente

Fatiche sovrumane senza senso!

Carichi pesanti sulle spalle,

gobbi come asini, quanta pena!

 

Il collo tirato come quello di uno struzzo,

il fiato che non esce dalla gola,

pesanti e passi, le ginocchia che cedono:

una vita da non augurare neanche a un pidocchio!

 

Il nostro Signore a vedere i suoi figli,

conciati peggio che a Pasqua gli agnelli,

in cielo ha disegnato uno schizzo con le stelle:

il grande e piccolo carro: simili alla carriola!

 

Poi hanno inventato la carriola:

 

Santo quell’uomo che in cielo ti ha copiata:

con la ruota davanti a cercare la strada,

e dietro due manici per alzarla facilmente,

e portare pesi ancora maggiori senza scoppiare.

 

Ecco la carriola: di ogni attrezzo il più degno,

sia che abbia la ruota di gomma che di legno,

gran ristoro alle umane fatiche:

meriterebbe una messa di ringraziamento a

settimana.

Un po’ alla volta ti hanno resa sempre più bella,

con i migliori materiali ti hanno stampata:

di legno, di ferro, di plastica, di lamiera,

sempre più gradevole, sempre più leggera.

 

E infine: l’evoluzione della specie:

 

Tanto era bella la tua forma e tante le virtù,

che hai suggerito  un’idea innovativa a una testa fina: mettiamogli un motore che va a miscela,

facciamogli la cabina , con porta attrezzi per la

roncola,

aggiungiamogli il cassone con le tre sponde,

e per giunta anche una targa di Sondrio:

ed ecco creati quasi dal nulla un gran miraggio:

togliamoci il cappello davanti all’Ape Pieggio!!!!

Comments