Novembri

Poesia nel dialetto di Brusio (Grigioni, Svizzera) di Delia Nussio
Terza classificata 2011
 

Novembri

 

Li rondini

i é partidi

senza fas vedé,

senza valis,

libari

li traversa ’l mar

par seguì

al so destin.

 

Li lasa vöit i ni

sota la gronda,

e ’n da l’aria

grand nustalgia.

Ma l’é miga ’n adiu,

l’é ’n bun turnà

quel dì ca ’l sul

al taca a sculdà.

 

I arbui

scheletriti

i fa propi cumpasiun;

ma rigordi

quai dì fa,

ca li föi

cun la rügiada

li lüsiva

ansema ’l sul.

 

Ades li posa

sü l’ erba seca:

ma li cantasa ta li tucat …

e cul vent

li sgula via,

e’l par urscei

scurentaa.

 

 

Novembre

 

Le rondini

sono partite,

senza farsi vedere,

senza valigie,

libere

attraversano il mare

per seguire

il loro destino.

 

Lasciano i nidi vuoti

Sotto la gronda,

e nell’aria

grande nostalgia.

Ma non è un addio,

è un buon tornare

quel giorno che il sole

comincia a riscaldare.

 

Gli alberi

scheletriti

fanno proprio compassione:

mi ricordo

qualche giorno fa,

che le foglie

con la rugiada

luccicavano

insieme al sole.

 

Adesso riposano

sull’erba secca:

ma canterebbero se le toccassi…

e col vento

volano via

simili a uccelli

spaventati. 

 

Comments