Mi e al mè fradel Pippo

Poesia nel dialetto di Ponte in Valtellina di Giovanni Bolognini
 

Mi e al mé fradel Pippo a San Bernart…

 

An levava sü deböt a la matina,

aturen ai sett.

A quii temp se vava a durmì prest.

La sira gh’éra poch de fa.

La television l’éra ancamù de ’nventà!

 

An pizava ’l fugulà, an sculdava

an pitt de lac’, nel stusciava col cafè.

’na cugiarada de zucher, ’na mica e pö

via de cursa a la Crus e fö al Sest, a cercà func’ e uregin…

I biscot a San Bernart i-éra ancamù de ’nventà!

 

Aturen ai ai de san vava sü ai Piani  a truà i amis.

E lì an sé lagava, per pö truàs ancamù ai undes e meza.

’Na cursa sü’n butega da la Libia: trì pumates, an pù de pan, ’na scatuleta de caren Simmenthal.

La bisteca l’éra ancamù de ’nventà.

 

Lü al cüsinava… e mi dopu gh’évi de sgürà i piat.

Gh’évi anca de andà a tö l’acqua de béef, de resentà.

Da fö a l’Orl, quel’agn, vavi fin giö a la funtana di Bundi.

Quant turnavi sü gh’évi i pée sloz e mez sedel…

L’acqua curente, in cà, l’éra ancamù de inventà!

 

Al dopumesdì gh’éra al duver, i compit di vacansi…

Pö vavi a cercà ’l Francu, l’Ugo. Ai cinq tüc’ ai Piani,

da i Piazzi, per la partida a “pallavolo”. Ooh! Quant grignà!

Ai sett, ’na fam rabiusa, de corr de cursa a cà.

La marénda l’éra ancamù de inventà!

 

E la sira, dopu majat, i oc’ che i crudava dal sogn,

’l pajon cui föi de türch che i fava fracas.

E i cambrin che i majava i legn del tec’ che i fava fracas.

An duls fracas, ma, dopu un mument, te ghe favet gnà più a cas.

A S. Bernart i materàs i èra ancamù de inventà!

 

Che fin i avrà fac’ quii dùu s’cétt?

A nustalgia, se sa,

a la nosa età, la rua improvisa

cume na malatia.

L’é miga de inventà!

 

…E alura mi, adess, strach

me senti giö, apröf a la gesa,

chilò adrée.

A specià che i agn,

finit ’l gir, i turni indrée…

 

Io e mio fratello Pippo a San Bernardo

 

Ci alzavamo presto la mattina,

attorno alle sette.

A quei tempi si andava a dormire subito.

La sera c’era poco da fare.

La televisione era ancora da inventare.

 

Accendevamo il focolare, scaldavamo

un po’ di latte, lo sporcavamo col caffè.

Una cucchiata di zucchero, una rosetta e poi via di corsa alla Croce e fuori al Sèst, a cercare funghi e cantarelli…

I biscotti a San Bernardo erano ancora da inventare!

Attorno alle dieci andavamo su alle Piane a trovare gli amici. E lì ci lasciavamo, per trovarci ancora alle undici e mezza.

Una corsa su in bottega dalla Bottega: tre pomodori, un po’ di pane, una scatoletta di carne Simmenthal. La bistecca era ancora da inventare!

 

Lui cucinava… e io, dopo, avevo da lavare i piatti.

Dovevo anche andare a prendere l’acqua da bere e per risciacquare.

Fuori all’Orl, quell’anno, andavo giù fino alla fontana dei Bondio.

Quando tornavo in su avevo i piedi fradici e mezzo secchio. L’acqua corrente, in casa, era ancora da inventare!

Al pomeriggio c’era il dovere, i compiti delle vacanze…

Poi, andavo a cercare il Franco, l’Ugo. Alle cinque tutti alle Piane,

dai Piazzi, per la partita a pallavolo. Oh, quanto ridere!

Alle sette, una fame rabbiosa, da correre di corsa a casa. La merenda era ancora da inventare!

 

E la sera, dopo mangiato, gli occhi che cadevano dal sonno. Il pagliericcio con le foglie di granoturco che facevano fracasso. E i tegni che mangiavano i legni del tetto che facevano fracasso. Un dolce fracasso, perché, dopo un momento, non ci facevi neanche più caso. I materassi a San Bernardo erano ancora da inventare!

Che fine avranno poi fatto quei due ragazzi? La nostalgia, si sa,

alla nostra età arriva improvvisa

come una malattia.

Non è da inventare!

 

…e allora io, adesso stanco,

mi siedo giù, vicino alla chiesa,

qui dietro.

Ad aspettare che gli anni,

finito il giro, tornino indietro…

Comments