La Müsa Valtelina

Poesia nel dialetto di Sondrio di Davide Rastelli 
 

La Müsa Valtelina

 

Che bel fa cur i öc’

su n’di fianch de la mia vall

vers sira e matina

quant che ’l canta ’l gall.

 

Ogni stagiun che vegn

el so culur ghe porta

le l’è na signurìna

che vegnerà mai smorta.

 

L’è fresca e culurida

e quant l’è scià l’autün

en quant a cuncürenza

a le el la bat nisün.

 

M’è me sentì na Müsa

che canta giù ’n cantina

e a mi ’l me pias ciamàla

la bela Valtelina.

 

I dis che per vedè

sta Müsa namuràda

Cumasch e Milanes

i fa la cua per strada.

 

Le l’è na specialista

dèla risturaziun

e tüc’ i ghe dumanda:

cusè che gh’è de bun?

 

’l gh’è sciat e po’ i pizzocher

ghe i func’ e anca ’l salam

brisaula e taròz…

che i fa vignì la fam.

 

Per fa pasà giù tütt

vardè che ’n g’à ’n vin bun

l’è quel che per magia

fa pasà giù i bucün.

 

I dis che a Milan

la gent indurmentada

la vet ’n di so sùgn

la müsa namuràda,

 

e quant i ciapa ’l tram

al “Dum” a la matina

tüc’ i se cunta su:

“Ho vist la Valtelina”.

 

El sanch de Valtelina

l’è l’Ada e i sò turent

e a tuc’ i Milenes

le la g’à dac’ curent…

 

Prima i l’à pecenàda

“pilün mè bigüdin”,

pö i g’à puciat giù i pè

’n de tüc’ i so cadin.

 

I l’à tüta mbastida

De dii sul so vestit…

Ma le cun eleganza

la mustra amò i so vit.

 

A ben prugress e scienza…

ma la ricunuscienza?

“sperüm mia Valtelina

chi te laghi miga senza”.

 

A nügn Valtelines

el ne pias a bef el vin,

ma l’è minga asée na ciüca

per vech dü cüntentin.

 

Chi i scarpi i è ’n po’ grosi

e i femmi i è senza tach,

però la nosa crapa…

l’è minga gù ’n de ’n sach.

La Musa Valtellina

 

Com’è bello contemplare

i pendii della mia valle

sul far della sera, oppure di buonora

al canto del gallo.

 

Ogni stagione

le porta i suoi colori

tanto da farla apparire come una signorinella mai pallida e insignificante.

 

La freschezza dei colori

dell’Autunno, la rendono d’una bellezza incredibile ed unica e con stupore, contemplandola

 

Mi sembra di sentire il canto di una Musa

provenire dalla penombra di una cantina,

così la chiamo

“la bella Valtellina”.

 

Dicono che per vedere questa Musa, della quale ci si può facilmente innamorare, Comaschi e Milanesi si mettono pazientemente in coda sulla strada che porta in valle.

 

La caratteristica cucina locale prende tutti per la gola, invitando le persone a chiederne le varie specialità.

 

 

Le prelibatezze valtellinesi (sciat, pizzoccheri, funghi, salumi, bresaola, taroz…) soddisfano e saziano gli avventori.

 

 

Il nostro buon vino rende ancora più appetibili le varie vivande, favorendo la digestione.

 

 

 

Durante la notte i Milanesi che hanno soggiornato in valle, sognano la bella Musa

 

 

 

e sul tram il mattino seguente tutti raccontano di aver sognato la “bella Valtellina”.

 

 

 

L’Adda ed i torrenti della valle sono il sangue della “Musa” che mantiene vitale la città, fornendola di grandi quantità di energia elettrica.

 

 

I tralicci che incorniciano la valle ed i vari bacini idroelettrici hanno modificato, non sempre in maniera positiva, l’aspetto morfologico del territorio.

 

Chilometri di cavi elettrici che sovrastano terrazzamenti approntati nei secoli con grande fatica non riescono comunque ad offuscare la bellezza dei vitigni.

 

Il progresso tende a sfruttare più o meno intensamente la ricchezza delle risorse dei vari territori, ma i proventi dovrebbe-ro essere distribuiti più equamente fra le varie comunità della valle.

Ai Valtellinesi piace il vino, ma non tanto da ubriacarli e far loro accettare delle incongruenti ed antiecologiche contropartite.

 

 

Nella nostra valle si usano spesso gli scarponi e le “nostre” donne usano raramente le scarpette con i tacchi, ma non siamo delle persone sprovvedute.

Comments