L'acqua

Poesia nel dialetto di Morbegno di Franco Poli
 

L’acqua

 

Su per i munt

quant d’està el riva el tempural

tòt el diventa scur

e d’un trat i trun e i sberlusc

i rissciara tòta la val

po’ l’incumincia a piof

e l’acqua la bagna i praa,

i fiur e tota quanta la natura

che el par che la speci apena quel

per mitigas un pou  da l’arsura.

Alura se sent l’acqua

quant la pica adasi

sura i tec’ e la fa tuc’

qui gioch de lus int i rifless di spec’.

Però tanti voolti la gent la se lamenta

per un pitin de acqua

e pensà che se el fus mia per lee

la nosa tera la sares mia quel che l’é:

una meravigliosa serra.

 

Anca se na quai volta

l’é arabiada e cativa,

gh’é i tempurai

e i fium i bruntula

e i cerca de scapà

e de andà a riva,

alura en capis

che se ave sum rispetaa

pusé el mund e tuta la natura,

anca se el vee el tempural,

forsi en ghe avres

un pù meno paura.

L’acqua

 

Sui monti

quando d’estate arriva il temporale

tutto diventa buio

e d’un tratto i tuoni e i fulmini

rischiarano tutta la valle,

poi incominca a piovere

e l’acqua bagna i prati,

i fiori e tutta quanta la natura

che sembra aspetti solo quello

per mitigarsi un po’ dall’arsura.

Allora si sente l’acqua

quando batte adagio

sui letti e fa tutti

quei giochi di luce nei riflessi degli specchi.

Però tante volte la gente si lamenta

per un po’ d’acqua

e pensare che se non fosse per lei

la nostra terra non sarebbe quello che è:

una meravigliosa serra.

 

Anche se qualche volta

è arrabbiata e cattiva,

ci sono temporali

e i fiumi brontolano

e cercano di scappare

e di andare a riva,

allora capiamo

che se avessimo rispettato

di più il mondo e tutta quanta la natura,

anche se arriva il temporale,

forse avremmo

un po’ meno paura.

Comments