La stagiòñ de la nòna

Poesia nel dialetto di Tovo di Giancarlo Giudici
 

La stagiòñ de la nòna

 

L’éra miga la pü bèla, l’éra mia la pü brava

ma ga vuléi propi beñ parchè l’ara la mia “lava”.

 

La sua carta d’identità l’éra la sua pèll piena da rughi,

la pèll da chi che sòta al suul, l’à fac’ tanti fadighi.

 

L’éra üna come tanti, an po’ come tütt la nòsa gént,

mangià pooch, laurà tànt e pooch divertimént.

 

La vita l’éra an ciclo ilüra come adéss,

detaa dai témp agrìcuii sensa otri cumplèss.

 

I ùnich intervàii, dac’ come cuncesiòñ,

i éra i fèsti cumandàdi dala nòsa religioñ.

 

La religioñ, certu na gran speransa,

e anca la mia nòna la pudéa miga sta sénsa.

 

Pregà a la sira, pregà a la dumàñ,

par avéch la salùt e anca an tòch de pañ.

 

A pensàch adéss i ga saréss parü màt,

sensa radio, sensa tele e poch anca ciculàt.

 

Ma a ’ulè pensàch béñ, cun tütt al nòs stréss,

i pü traviaa, i màt, an sa nòltri adéss.

 

An fa tütt nòltri, an sa da préscia an còrr an scàza,

al ga pàar da avéch tütt e pö an gò mai na màza.

 

Lüur ’nvéce, cun la sua cügniziòñ,

i éra bòñ da truà al témp par fa giò na quai ragiòñ.

 

«Faràl bél témp, al magari fac’ la vàca?»

«Eh, gò an poo da màl da òss e soo sempre pü se straca!»

 

Paroli misüràdi, al pü di ’olti paroli bòni,

anca se ogni taant al ga scapea aa quai madòni.

 

Ma subit dopu al ga ’egnia la pasiòñ,

che i éa ufendüu al Signür e i éra stàc’ cuiòñ.

 

I pensa ilùra a l’Aldilà e anche al Padre Eterno,

la paüra da murì, a amò da pü da ’ndà a l’inferno.

 

Nòltri ’nvéce quìi pensée ilò mi fa mìga.

An trüa mìga al témp e pö l’è tròp fadìga.

 

Quai volti as prùa a pensàch, a cercà da capìl al Mònt,

l’ùnica certéza l’è che l’è rudònt.

 

Al gal digerà al Signür, u Budda, u án quasi Striòñ,

se ’ndà a l’Inferno u an Paradis se án sa stàc’ bòñ.

 

An tanc’ i à studiàa, par capì, par cunòsc, par dàch án senso,

risposti certi i ga n’à dàc’, né Garibaldi né al Conte Benso.

 

Ma come as gàl da fa ilùra par stà serén sensa tròpa malincunìa,

forse al basta pòoch, án po’ da salùt e án pit da alegrìa.

 

I nòs vec’ i gàl digéa da àn in àn,

che a ’ndà piàñ as và sañ e as va luntàn.

 

I gà ’nsegnàa a és calmi e ànca fòrt,

da regurdàss da lüur e da tüc’ i nòs car mòrt.

 

Ciapòm al so esempi, cercòm da stà ’n poo an riga,

anca se an dal destìñ certézi an ga n’à miga.

 

E a la nòna che da béñ al ma n’à fàc’ tànt,

ga mandi sòl an bacio, ma grànt… grànt… grànt…

La stagione della nonna

 

Non era la più bella, non era la più brava,

ma le volevo proprio bene perché era la mia nonna.

La sua carta d’identità era la sua pelle piena di rughe, la pelle di chi sotto il sole ha fatto tante fatiche.

 

Era una come tante, un po’ come tutta la nostra gente,

poco da mangiare, tanto lavoro e pochi divertimenti.

La vita era un ciclo allora come adesso,

dettato dai tempi dell’agricoltura senza altri complessi.

Gli unici intervalli, dati come concessione, erano le festività della nostra religione.

 

La religione, certo una grande speranza,

ed anche mia nonna non poteva farne a meno.

 

Pregare alla sera, pregare alla mattina,

per avere la salute e anche un pezzo di pane.

 

A pensarci adesso ci sarebbero sembrati matti, senza radio, senza tele e anche poco cioccolato.

 

Ma a voler pensarci bene, con tutto il nostro stress, i più traviati, i matti, siamo noi adesso.

 

Facciamo tutto noi, siamo di fretta, corriamo e “ruspiamo”,

ci sembra di avere tutto e poi non abbiamo mai nulla.

Loro invece, con la loro cognizione, erano capaci di trovare il tempo per scambiare qualche chiacchiera in più.

 

«Farà bel tempo, ha per caso partorito una mucca?», «Eh, ho sempre un po’ di mal di ossa e sono sempre più stanca!»

 

Parole misurate, il più delle volte parole ben dette, anche se a volte sfuggiva loro anche qualche imprecazione.

Ma subito erano colti da rimorso, per aver offeso il Signore ed erano stati stolti.

 

Pensavano allora all’aldilà ed anche al Padre Eterno, la paura di morire, e ancora di più di andare all’inferno.

Noi invece quei pensieri non ce li poniamo neanche, non troviamo il tempo e poi è troppo faticoso.

Qualche volta si prova a pensarci, a cercare di capire il Mondo,

l’unica certezza è che è rotondo.

 

Ce lo dirà il Signore, o Budda, o qualche altro stregone,

se andare all’inferno o in paradiso se siamo stati buoni.

In tanti hanno studiato, per capire, per conoscere, per dare a questo un senso,

risposte certe non ce ne ha date nessuno, né Garibaldi né il Conte Benso.

 

Ma come bisogna fare allora per stare sereni senza troppa malinconia,

forse basta poco, un po’ di salute e un po’ di allegria.

 

I nostri vecchi ce lo dicevano di anno in anno, che ad andare piano si va sano e si va l0ntano.

 

Ci hanno insegnato ad essere calmi e anche forti, di ricordarci di loro e di tutti i cari defunti.

 

Prendiamo il loro esempio, cerchiamo di metterci un po’ in riga, anche se dal destino non abbiamo certezze.

 

Ed alla nonna che di bene me ne ha donato tanto,

le mando solo un bacio, ma grande… grande… grande…

Comments