La nughèra de Migliùcio

Poesia nel dialetto di Sondalo di Emilia Simonelli
 

La nughèra de Migliùcio

 

A la nughèra di lazarôn

i g’à fac gió tènta canzôn

e a mi che son più bèla

gnènca ’na štorièla.

 

Sónt la nughèra de Migliùcio

štò chilò e fò cùċio;

in Tèra Pìscena són nasciùda

e in otant’ègn són’ bén cresciùda

ma cóme fudési na forèšta

i sondalìn i me fa gnènca un pit de fešta;

l’é cóme ’l disc al provèrbi:

chi ’l g’à miga vantadôr

i se vènta da per lôr.

 

Mi són’ tròp modèšta,

alzerò su’n pit la tèsta!

Intènt che faśgévi šti pensêr

l’é pasà ’n ómen ġió in del sentêr

e’l  diśgéva:

«Te ringràzi bôn Signôr

che t’asc faċ šti béi laôr,

šta piènta l’é iscì bèla

con i rèm faċ a umbrèla

e con su tènta fèa

l’é ’na grèn meravèa

ènca bióta con i rèm piên de nêf

che špetàcol che vedêf

e che bóna li sóa nôsc,

altro che menġiàr de špôs.

Mi farìa ilò sót

pròpi un bèl salòt.»

 

A sentìr šti complimênt

e faċ da la mia gênt

al m’é vegnù al magôn

ma davéra, car maiôn.

Ò capì d’aver šbaglià a pensàr mal,

ve dumèndi šcuśa…

volerìa abraciàrve tùċ

e tignìrve chilò a la mia umbrìa

da la dumèn fina a l’Ave Maria.

Fidanzati

 

Al noce dei lazzaroni

hanno dedicato tante poesie

e a me che sono più bella

neppure una storiella.

 

Sono il noce di Emilio,

sto qui e sto zitta;

in Terra Minore sono nata

e in ottant’anni sono ben cresciuta

ma come se fossi una forestiera,

i sondalini non mi fanno mai un po’ di festa;

beh, come dice il proverbio:

chi non ha vantatori

si vanta da solo.

 

Io sono troppo modesta,

alzerò un po’ la testa!

Mentre facevo questi pensieri

è passato un uomo, giù nel sentiero,

che diceva:

«Ti ringrazio buon Signore

che hai fatto queste belle cose,

questa pianta è tanto bella

con i rami fatti ad ombrello

e con sopra tante foglie

è una grande meraviglia:

anche spoglia con i rami pieni di neve,

che spettacolo, vedete!

E che buone le sue noci,

altro che mangiare da sposi!

I farei lì sotto

proprio un bel salotto.

 

A sentire questi complimenti

e fatti dalla mia gente,

mi è venuto il magone,

ma davvero, cari ragazzi.

Ho capito di avere sbagliato a pensare male,

vi chiesto scusa…

vorrei abbracciarvi tutti

e tenervi qui alla mia ombra

dal mattino alla sera.

 

nota al testo

il noce dei lazzaroni: così era chiamata la pianta, che ora non c’è più, all’ombra della quale, su un muretto, sedevano gli sfaccendati di Sondalo.

Comments