La nòsa vita de cuntadìn

Poesia nel dialetto di Ponte in Valtellina degli Ospiti della Casa di Riposo
Premio speciale per la memoria
 

La nòsa vita de cuntadìn

 

I nòs vec’ i diséva

che per pudé campá

an gh’éva de mét gió la schéna e laurá

 

la campagna de Punt, a ben vardá

l’èra cultivàda a vit e a pra.

 

I èra di sciur i sit pusè granc’ e bei

quii di purét i èra apena tuchéi

ma de mestée ghe n’èra sempri a mügéi.

 

I óm i vava fö an di löch cun la vaca sóta al car,

i femni cun la cüna sü an del gèrlu e la còlsa an man

i s’cét püsé pìscen tacàt al cutìn

e quii an pit püsé granc’ denans cun al so gerlatìn.

 

An di vigni pendìvi, la vita l’èra mal lauràla

bisugnava pudàla, drizzàla, ligà int i cò

e cun la machina an spala se dueva ’nacquala.

 

Quandu al löch l’èra gió an pu al pian

an di tròsi se ’nsurnava tanti sort de gran:

furmentón, duméga, türch, séghel e furmént

l’èra al nòs sustentamént.

 

E segunt la stagion

se meteva gió tartùfuli, verzi, zuchi, ravi e fasö

per fa mangiá la gent e anca i bes’ciö,

l’èra sciur quel cuntadìn

che ’l gh’èva ’l so gran e ’l so vin.

 

Se pö ’l gh’éva an stala

vachi, pèguri, càuri, ció e cunìc’

lac’, cundimént e cumpànadech

l’èra an sciur, cume n’à già dic’.

 

Anca i pusé purét

i gh’éva almenu ’na galina

per l’öf che l’af

al beveva ogni matina.

 

Da matina a sira an de ogni stagion

nün cuntadìn an gh’éva de es sempri laurentón

anca quandu an s’èra a cà

an gh’éva sempri mestè de fa.

 

I nòs vec’ i diséva che an de l’ort

ghe n’èra per i vif e per i mort.

 

An gh’éva miga la busta paga ala fin del més

anca se de fadighi ne’n fava a pes a pes.

 

De duménega, dopu la funsion

al cuntadìn al gh’éva anca de netàa i scarpon

e untai cun la sungia del ción.

 

L’èra grama la vita ai nòs temp

ma an cercava de es cuntent.

La nostra vita da contadini

 

I nostri vecchi dicevano

che per poter vivere

dovevamo piegare la schiena e lavorare.

 

La campagna di Ponte, a ben guardare,

era coltivata a vite e prato.

 

Erano dei ricchi i terreni più grandi e belli, quelli dei poveri erano appena piccoli appezzamenti, ma di mestieri ce n’erano sempre a mucchi.

 

Gli uomini andavano nei campi con la vacca aggiogata al carro,

le donne con la culla caricata sulla gerla e i ferri da calza in mano

i bambini più piccoli attaccati alla gonna e quelli un po’ più grandi davanti con la loro piccola gerla in spalla.

Nelle vigne poste sul pendio, era difficile coltivare la vite, bisognava potarla, legare i germorgli e raddrizzarla e con la pompa in spalla si doveva irrorarla.

 Quando il campo si trovava in piano

la terra tra i filari della vite veniva seminata con tanti tipi di grano: grano saraceno, orzo, granoturco, segale e frumento erano il nostro sostentamento.

E seguendo le stagioni

si seminavano patate, verze, zucche, rape e  fagioli per far mangiare le persone e anche il bestiame, era un gran signore quel contadino

che possedeva il suo grano e il suo vino.

 

Se poi  in stalla possedeva

vacche, pecore, capre, maiale e conigli

ne ricavava latte, condimento e companatico, ed era un gran signore come abbiamo già detto.

 

Anche i più poveri

avevano almeno una gallina

per l’uovo che l’avo

beveva ogni mattina.

 

Da mattina a sera, in ogni stagione

noi contadini dovevamo sempre essere  gran lavoratori anche quando eravamo a casa

avevamo sempre mestieri da fare.

 

I nostri vecchi dicevano che nell’orto

(di lavoro) ce n’era per i vivi e per i morti.

 

Non avevamo la busta paga alla fine del mese

anche se di fatiche ne facevamo tante e poi tante.

 

Alla domenica, dopo la funzione

il contadino doveva anche pulire gli scarponi

e ungerli con la sugna del maiale.

 

Era davvero grama la vita ai nostri tempi

ma cercavamo di essere contenti.

 
Comments