La bèla trinità

Poesia nel dialetto di Tirano di Ezio Maifrè
 

La bèla trinità, Patria, Italia, Tiran

 

L’amùr de Patria l’è cùma ’l pan,

quàndu ’l gh’è, pòch sa ’l valüta,

quàndu l’è scars, sa ’l tègn da cünt.

 

L’amùr de Patria l’è cùma la salüt,

quàndu la gh’è, pòch sa la regòrda,

quàndu la mànca, ’l mund ’l crùda.

 

L’amùr de Patria l’è cùma la màma,

quàndu l’è viva, pòch ta la scùltet,

quàndu l’è mòrta, la manca ogni dì.

 

L’amùr de Patria ’l rinàs ’n dei cör

quàndu vargügn i völ desmentegàl

quàndu i cünta che l’è ròba vègia.

 

Patria, ta sée la mè cara e bèla cà,

te sée fiùu nasüü dai sacrifìzi,

ta sée bagnàda de sanch prezius e ràr.

 

Italia, ta sée pàn bianch dei nòs vèc’,

ta sée per tüc’ nòtri salüt preziùsa,

ta sée la nòsa cara màma per sémpre.

 

Tiran, ta sée ’l paes de i mè sùgn,

ta sée ’l bèl paes de vìn e alegria,

ta sée la téra ’ndùa pusaròo per sempre.

 

Patria, Italia, Tiran; l’è ’na bèla trinità

che diféndi ògni dì e ògni mumént,

per pudè viv ’n libertà e cun sentimént.

La bella trinità, Patria, Italia, Tirano

 

L’amore di Patria è come il pane,

quando c’è, poco si valuta,

quando è scarso si tiene da conto.

 

L’amore di Patria è come la salute,

quando c’è, poco la si ricorda,

quando manca, il mondo cade.

 

L’amore di Patria è come la mamma,

quando è via, poco l’ascolti,

quando è morta manca, ogni giorno.

 

L’amore di Patria rinasce nei cuori

quando qualcuno vuole dimenticarlo

quando raccontano che è cosa vecchia.

 

Patria, sei la mia cara e bella casa,

sei fiore nato dai sacrifici,

sei bagnata da sangue prezioso e raro.

 

Italia, sei pane bianco dei nostri vecchi,

sei per tutti noi salute preziosa,

sei la nostra cara mamma per sempre.

 

Tirano, sei il paese dei miei sogni,

sei il paese dei vini e dell’allegria,

sei la terra dove riposerò per sempre.

 

Patria, Italia, Tirano; è una bella trinità

che difendo ogni giorno e ogni momento,

per poter vivere in libertà e con sentimento.

Comments