I sesant'an de la Maria

Poesia nel dialetto di Cino di Carlo Bianchi
Quinta classificata a pari merito 2011
 

I sesant’an de la Maria

 

I cà de sass tüti adusàdi

cul vent che’l bufa per i stradi,

grapui de türch al su a secà

tacàt sint’i balcun di cà.

 

De sutta l’Adda gint’el cian

la baśa el lach de Cum a pian

de sura a tüc’ el munt Legnun

ch’el guarda giú cume un padrun.

 

Ilò sesant’an fa l’è nat ’na tuśa

la prima de na famiglia numeruśa

l’era amò redes che’l dì duman

in Svizzera l’è ’ndaccia a cercà el pan.

 

Con la speranza int i sò öcc’,

i colzi apena sut ai sò ginöcc’,

c’ul grup in gula e ’na valis cartun,

l’à saludat i sò cont’el magun.

 

Immez a quela gent növa e furesta

un giuven l’à incuntrat cun l’elmu in testa,

l’era el so principe zuchin

che la sugnava sempri da tuśin.

 

Inscì ’na gran famiglia l’à furmat,

trì bei fiö l’à pö levàt,

e tant l’à facc’ che le, da conquistada,

ed conquistadù l’è diventada.

 

Intant pasat el temp per quele tuśa,

i sesant’an l’à fac’ la nosa spuśa,

i calzetun ades i è curt e strenc’

e i fiö i è diventat gulenc’

 

Ma l’è restat amò quel grup de desefà giù,

quel grup ch’andava sü e giù

quel dì che l’à lasà i cà de sas, el vent,

el lach, l’Adda e la so gent.

 

E ades ciansc pur Maria

che insem a la tò gent e a ’sta pueśia

l’è amò tüt quant chilò

istes ch’al specia… amò.

 

Bun cumplean Maria

I sessant’anni della Maria

 

La case di sasso tutte addossate

col vento che soffia nelle strade,

grappoli di pannocchie ad essiccare al sole, appesi sui balconi delle case.

 

Di sotto, l’Adda giù nel piano

adagio bacia il lago di Como,

di sopra a tutti il monte Legnone

che guarda giù come un padrone.

 

Lì, sessant’anni fa, è nata una bambina,

la prima di una famiglia numerosa,

era ancora ragazzina quando

andò in Svizzera a guadagnarsi il pane.

 

Con la speranza nei suoi occhi,

le calze appena sotto le ginocchia,

col nodo in gola e una valigia di cartone,

ha salutato i suoi con commozione.

 

In mezzo a quella gente nuova

Ha incontrato un giovane con l’elmo in testa,

era il suo principe zuchin

che sognava sempre da bambina.

 

Così ha formato una grande famiglia,

ha allevato tre bei figlioli,

e tanto ha fatto che lei da conquistata,

il conquistatore è diventata.

 

Intanto è passato il tempo per quella ragazza, sessant’anni ha compiuto la nostra sposa, i calzettoni ora sono corti e stretti e i figli “volano” da soli.

 

Ma è rimasto ancora quel nodo da sciogliere,

quel nodo che andava su e giù quel giorno che ha lasciato le case di sasso, il vento, il lago, l’Adda e la sua gente.

 

E adesso piangi pure Maria, che insieme alla tua gente e a questa poesia

è ancora tutto qui

“uguale” che ti aspetta ancora.

 

Buon compleanno Maria

Comments