I cósc'p

Poesia nel dialetto di Livigno di Achille Cusini
 

I cósc’p

 

I cósc’p i aran li sc’chèrpa dal famégl,

e da li sc’chèrpa i àran fośgè mégl;

 

i li portán in da la néf, e pè col fégn

i an la sòla féita su da légn.

 

Al völö miga portèi al végl,

pecé i li an féit su per al famégl.

 

La mama la se lamentá da mat,

ca i cósc’p i gi fan su i pè plat.

 

La nóna la diśgiö ca i gi fan mal,

ca i cósc’p i gi fan gnur su i cal.

 

Al sa lamentà la źia,

ca i cósc’p i gi fan su visía.

 

L’ara iglià in di bait una źitèla,

la diśgiö ca i cósc’p i gi an rót una nośgèla.

 

La marcia ca la sa credö bèla,

la diśgiö ca i cósc’p i la fan gnur gavèla.

 

Al marc’ ca l’arè abú döi ègn,

al diśgiö ca i cósc’p i gi an röinè i calchègn.

 

Al sa lamentà tóta la famiglia,

ca i cósc’p i g’an rót una caviglia.

 

E iscì i àn decidú ca l’ara mégl

ca i cósc’p al li portés nóma ’l famégl!!

Le scarpe di legno

 

I cósc’p erano le scarpe del famiglio,

forse erano anche migliori delle scarpe;

 

si indossavano sia nella neve che nel fieno e avevano la suola fatta di legno.

 

Non voleva portarle il padrone,

perché erano fatte per il famiglio.

 

La mamma si lamentava tanto,

perché i cósc’p facevano venire i piedi piatti.

 

La nonna diceva che sentiva male,

che i cósc’p le facevano venire i calli.

 

Anche la zia si lamentava,

perché i cósc’p le procuravano le fiacche.

 

C’era in casa una zitella,

diceva che i cósc’p le avevano rotto un malleolo.

 

La ragazza, che si riteneva bella, diceva che i cósc’p le procurarono le gambe storte.

 

Il bimbo, che avrà avuto circa due anni,

diceva che i cósc’p gli rovinavano il calcagno.

 

Si lamentava tutta la famiglia,

perché i cósc’p gli avevano rotto una caviglia.

 

E così decisero che fosse meglio

che i cósc’p li portasse solo il famiglio!!

 

 

Comments