I brasciadéi de Gròs

Poesia nel dialetto di Grosio di Gabriele Antonioli
Settima classificata 2011
 

I brasciadéi de Gròs

 

Adès che finalmént i a decidù
de dach al nóm de indóe chi é nasù,
de sti biscòt vòli cuntàf la stòria
sempre che nò’l me fàlia la memòria.

Sìuf benedéc’ Ebe, Sèrgiu e Véra,
cäri Gilärdi se ve regòrdi untéra,
perché, magäri sénza l’intenzión,
ef trac’ in pè ‘na spendida invenzión.

 Al nóm l’é pròpi quel uriğinäri,
infàti i gh’éva fórma de ruśäri,
rutónt cume l fudés un brascialét
per spiegàm méi cun qui chi é interdèt.

Ma, per mìga fä tròpa cunfuśión,
vistu che l paréva al tarallo di terón,
i à cumbinè de fai cume i grisìn
per secundär la mòda di gruśìn.

I à fac’ ‘na luganèga de pasta
e i l’à tiräda lónga fin che ‘l basta
ma cun più Ebe e Vera i la menàva
sempre più al laór al se ingrusàva.

Al gh’éva amò la fórma de’n grisìn
ma l’ära gròs cumpàgn de’n cudeghìn.
Ebe e Véra i paréva disperädi
ma Sèrgiu cun mulèca agl’ à calmädi.

L’éva capì al balòs che sóta sót
ai fémmi al ghe piäs de più Gròs che Grusót.
Quésta l’é stacia la sóa gran furtùna,
l’éva capì de indóe che al nas la luna.

E änga adès cun mila cambiamént
ai scióri al pasa gnänca per la mént
de rimpiazär al brasciadèl nusträn
cui grisìn o al baìcol veneziän.

 

I biscotti di Grosio

 

Adesso che finalmente hanno deciso
di riconoscere la loro località d’origine
voglio raccontarvi la storia di questi biscotti,
sempre che la memoria non m’inganni.

Siate benedetti Ebe, Sergio e Vera,
cari Gilardi come vi ricordo volentieri,
perché, magari senza volerlo,
avete dato vita a una bella invenzione.

Il nome dei biscotti è proprio quello originario
perché avevano la forma della corona di un rosario,
erano rotondi come un braccialetto
per spiegarmi meglio con chi non lo avesse capito.

Ma, per non fare troppa confusione,
visto che assomigliavano al tarallo dei pugliesi,
hanno deciso di farli a forma di grissini
per assecondare il gusto dei Grosini.

Hanno fatto un salsiccetta con la pasta
e l’hanno allungata quanto basta,
ma, con più Ebe e Vera la lavoravano
con più la forma si ingrossava.

Aveva sempre la forma di un grissino
ma la grossezza era come quella di un cotechino.
Ebe e Vera erano disperate
ma Sergio, col suo parlare cadenzato, le ha calmate.

Quel briccone aveva infatti intuito che, tutto sommato,
tali dimensioni non sarebbe dispiaciute al gentil sesso.
Questa è stata la sua grande fortuna,
perché aveva capito dove nasce la luna.

E anche adesso, nonostante i mille cambiamenti
alle signore non passa per la mente
di sostituire i nostri “brasciadéi”grossolani
coi grissini o i baicoi veneziani.

Per oltre un secolo i Fratelli Gilardi sono stati titolari di un affermato panificio in Grosio dove sono nati i “brasciadéi”. La loro produzione continua tuttora per opera di un loro discendente stabilitosi a Santa Lucia in Valdisotto ma si correva il rischio di dimenticare la loro origine. Il componimento scherzoso si ispira al fatto che, finalmente, sulla confezione dei singolari “grissini” di Grosio, assieme al nome della Ditta produttrice, compare, sebbene in forma scorretta, anche la scritta brasciadéi de Gròs. La poesia evoca la storia di questi biscotti iniziando dal nome stesso. In un primo momento, i biscotti avevano infatti la forma di un braccialetto (brasciadèl), denominazione mantenuta anche dopo la loro trasformazione in grossi grissini. Stando a quanto tramandato, il dolce sarebbe nato casualmente dal residuo di una panificazione e l’effettiva intenzione sarebbe stata quella di ottenere dei semplici grissini. La presenza del lievito nella pasta diede il risultato che tutti conosciamo.

Comments