El me pà malàa en del coo

Poesia nel dialetto di Ardenno di Giusi Gosparini
Quarta classificata 2011 - Premio speciale per la carica emotiva
 

El me pà malàa en del coo

 

Gh’ù na pasiùn dent el me coeur

un grop el me sara la gula…

el me pà l’è amò scapàa.

 

En due set andàa…

t’ù cercàa dapartoet ma t’ù miga truàa…

ù caminàa soe e giò per la val

dent e foe per i sentée.

 

Oh Signur famel truà… pregavi dent de me.

 

Su turnàda en dree

Cul mural in funt ai pee

piangivi, me sugavi al naas

cul panet toet bagnàa.

 

Capivi piue nient…

 

Poe al’impruviss

da chisà den dua

te se saltàa foe.

 

Vurivi dat un sach de bòt

dal nervus

ma l’è bastàa vardàt en di oecc’

per sentìi toet l’amur che gh’ivi per te.

 

T’ù ciapàa per maa

t’ù purtàa a caa

en dua i te speciava i otri to fioe

che i penava

dispiasùu perché te cunusìvet

pioe nigun.

 

Mio padre malato di mente (Alzheimer)

Ho un magone dentro il mio cuore

che mi chiude la gola…

mio padre è scappato di nuovo.

 

Ma dove sei andato…

Ti ho cercato ovunque senza trovarti

Su e giù per la valle (un fiumiciattolo vicino a casa), avanti e indietro per i sentieri  (verso le vigne vicine).

O Signore fa che lo trovi presto, pregavo in silenzio.

Sono tornata indietro

col morale a pezzi

piangevo, asciugandomi il naso

con il fazzoletto intriso di lacrime.

 

Non capivo più niente…

 

Ma all’improvviso,

chissà da dove

sei comparso.

 

Avrei voluto picchiarti

dal nervoso.

Ma, appena ti ho guardato negli occhi,

ho sentito un amore grande per te.

 

Ti ho preso per mano

e ti ho riportato a casa

dove gli altri tuoi figli ti aspettavano

angosciati

e dispiaciuti perché

non riconoscevi più nessuno.

Comments