Al Sasc de la Fórza

Poesia nel dialetto di Mondadizza (Sondalo) di Valeria Rastelli
 

Al Sasc de la Fórza

 

Al sajef i me maión

quel che l’é quel grèn placón?

L’é ’l troféo de Mondadicia

e i ghe disc “sasc de la fórza”.

Se voléf che la sia dicia ve la cunti gió de córsa:

l’éra propi ne bèla stòria,

su Mondadicia, de vana glòria,

Se un maion al se inamorava

una proa al lo speciava:

per godersela maridar

un gren sasc l’eva da spostar;

l’era propri ne grèn fadiga!

ma a Mondadicia… la Fórza la mencava miga

(quel che farìa miga per la… sfida…!)

Tuc i gióen i ghe proava:

al Grosin con la soa blaga,

al Bormin con li sbraurada,

ma negun l’era bon de spostarlo

e gnenca de… smutarelarlo.

I più fört de l’Alta Val

i era qui de Mondadicia,

fört e mat come un caval,

quasi sempre miga a piomp,

senza farne miga tènta…

i ciapava la Pitota

e i se la meteva a tota.

La Maióna un pò stremida

la saria quasi fugida

dai maión de la gran fórza

da li mèn come li morsa,

ma ala fin l’é conquistada…

perché qui de Mondadicia…

i pò far tasjer la fórza,

far parlar la tenerezza

e…, dopo na giornada de strachezza,

portar a ca un bel sach

de basjin e de carezza…!!

 

Dedicada a tuc i omen de Mondadicia da parte mia.

Il Sasso della Forza

 

Lo sapete i miei ragazzi

che cos’è quel gran masso?

È il trofeo di Mondadizza

e lo chiamano “sasso della forza”.

Se volete che venga detta ve la racconto subito:

era proprio una bella storia,

su Mondadizza, di vana gloria.

Se un ragazzo di innamorava

una prova lo apsettava:

per potersela sposare

un gran sasso doveva spostare;

era proprio una gran fatica!

ma a Mondadizza la forza non mancava

(quello che non si farebbe per la sfida!)

Tutti i giovani ci provavano:

il Grosino con la sua vanteria,

il Bormino con la sua supponenza,

ma nessuno era capace di spostarlo

e neppure di rotolarlo.

I più forti dell’Alta Valle

erano quelli di Mondadizza,

forti e matti come un cavallo,

quasi sempre un po’ stravaganti,

senza fare tante storie,

prendevano il masso

e se lo mettevano sulle spalle.

La ragazza un po’ spaventata

avrebbe voluto scappare

da quei ragazzi così forzuti

con le mani come le morse,

ma alla fine è conquistata…

perché quelli di Mondadizza…

possono far tacere la forza,

far parlare la tenerezza

e…, dopo una giornata molto faticosa,

portare a casa un bel sacco

di baci e di carezze…!!

 

Dedicata a tutti gli uomini di Mondadizza da parte mia.

Comments